L'associazione Hospes che sostiene le attività dell'Istituto alberghiero Maggia di Stresa (VB), da sempre partner del Festival, ha presentato la sua rivista online (o e-book). La mattinata è stata anche l'occasione per manifestare da parte del direttore del Festival, Massimiliano Borgia, 
“Questa è la giornata dell’ebook Hospes, una scommessa nata nel 2014 che oggi presenta il suo quinto numero nella splendida cornice del Circolo dei lettori di Torino”. Con queste parole Riccardo Fava Camillo, presidente di HOSPES (Centro di studi turistico-alberghieri e per lo sviluppo dell’Istituto Maggia e dei suoi allievi), ha aperto la conferenza di presentazione della rivista digitale scritta da una redazione di studenti del Maggia: un prodotto editoriale che, come recita lo slogan, “parla degli allievi di ieri e di oggi, del nostro mondo e della scuola di Stresa” (l'ebook si può scaricare qui: http://www.associazionehospes.it/index.php?option=com_frontpage&Itemid=1).

Questo numero ha come tema l’etica. “E’ un concetto fondamentale per il mondo attuale e per il settore turistico odierno, dominato dalla brand reputation, la reputazione del marchio, e dalle recensioni online”, ha spiegato Renato Andreoletti, direttore dell’ebook Hospes ma anche di Hotel Domani, la principale rivista del settore alberghiero. “Il fulcro di questo numero ruota attorno a una domanda: che cosa significa oggi avere un’etica professionale e personale?”, ha aggiunto Andreoletti.

La scena è poi passata ai ragazzi. Sul palco hanno preso posto gli studenti e le studentesse che compongono la redazione, che hanno dato vita a untalk show. Moderatore del dialogo è stato l’alunno Andrea Sieno, che ha guidato il pubblico alla scoperta della giovane redazione, facendo domande su come è nato questo numero della rivista, sulle interviste e gli articoli presenti al suo interno. Gli studenti hanno “tenuto il palco” in modo professionale, dimostrando di saper parlare come adulti e conoscitori della materia. Hanno anche svelato i retroscena delle “Buone Stelle”, le due serate che hanno visto protagonisti i due chef stellati Marco Sacco e Antonino Cannavacciuolo, in omaggio ai festeggiamenti degli 80 anni del Maggia che cadono nel 2018.

 In platea c’erano studenti, consiglieri e collaboratori di Hospes, insegnanti dell’Istituto Erminio Maggia di Stresa, ma anche tanti ospiti, tra cui il direttore del Festival di giornalismo alimentare Massimiliano Borgia e Federico Samaden, Dirigente Scolastico dell’Istituto Professionale Alberghiero di Rovereto e Levico Terme, nonché creatore del progetto Ospitalia (rete di enti e di scuole impegnate a dare valore e a promuovere la cultura dell’ospitare). La dirigente, prof.ssa Manuela Miglio, ha ringraziato Hospes e tutti i suoi soci, giovani e meno giovani, che “fanno sentire il loro sostegno tutti i giorni”, soprattutto in questo periodo delicato per il Maggia, che ancora attende una decisione sulla costruzione della nuova scuola.
A questo proposito è giunta anche la solidarietà di Massimiliano Borgia, direttore del Festival di giornalismo alimentare (la prossima edizione sarà il 21, 22 e 23 febbraio 2019, http://www.festivalgiornalismoalimentare.it/it/), evento con cui la scuola collabora: “In questi anni di festival abbiamo apprezzato la grande professionalità dell’istituto Maggia e la serietà dei ragazzi che ci hanno dato un grande supporto per accogliere i relatori e il pubblico. Pensiamo che il Maggia sia una risorsa per iniziative come la nostra e per tutto il Piemonte che vuole lanciare la propria immagine, per questo speriamo vivamente che possa risolvere i problemi strutturali e operare per almeno altri 80 anni con la stessa qualità formativa che ha sempre saputo offrire”.

 

Al termine dell’evento relativo all’ebook Hospes, Massimiliano Borgia ha presentato l’Associazione Gente di Lago e di Fiume, che festeggerà il suo primo appuntamento ufficiale il 7-8 ottobre sull’Isola dei Pescatori, piccola perla del Lago Maggiore. Sarà una due giorni di grande enogastronomia, musica, artisti, incontri, workshop e laboratori, con protagonista il pesce d’acqua dolce (http://www.lagentedilago.com/). L’obiettivo del movimento, fondato dallo chef due stelle Michelin Marco Sacco, è difendere e ridare dignità all’habitat complesso e poco conosciuto delle acque interne.