Il giornalismo d'inchiesta rappresenta una sfida difficile ma stimolante, nel contesto dell'informazione in Italia. Un approfondimento sul tema non poteva mancare al Festival del Giornalismo Alimentare 2018, che quest'anno potrà vantare sul sostegno del Premio Roberto Morrione, una delle più prestigiose iniziative per valorizzare il giornalismo d'inchiesta, che ha la sua base proprio a Torino. La partecipazione al Festival del Giornalismo Alimentare rafforza ulteriormente il legame che lega il Premio Morrione e l’associazione Amici di Roberto Morrione alla città di Torino e alla regione Piemonte.

La sinergia punta a promuovere un giornalismo responsabile e impegnato, perché il settore food è fra quelli che maggiormente necessitano di attenzione e approfondimento da parte degli organi di informazione.
Giovedì 22 febbraio alle 18 al Festival verrà presentata la video inchiesta “Le catene della distribuzione”, vincitrice della quinta edizione del nostro premio Morrione. Interverranno i tre autori, Leonardo Filippi, Maurizio Franco e Maria Panariello, e Gian Mario Gillio, membro della giuria e dell’associazione Amici di Roberto Morrione.
L’inchiesta “Le catene della distribuzione” é un viaggio, da Nord a Sud, nel mondo dell’ortofrutta in Italia, per indagare le responsabilità del fenomeno del caporalato. Attraverso le voci di alcuni protagonisti (buyer, fornitori, produttori, accademici, sindacalisti e imprenditori), gli autori hanno cercato di ricostruire l’intricato sistema di rapporti della filiera agroalimentare, che parte dalla GDO la grande distribuzione organizzata, e arriva fino ai campi.