caramelli È tra i massimi esperti italiani di sicurezza alimentare ed è un punto di riferimento per chi fa ricerca sul rapporto tra gli alimenti di origine animale e la salute umana. Tanto che, nel 2013, il Sole24ore l’ha inserita fra le 10 scienziate che fanno onore all’Italia. Stiamo parlando di Maria Caramelli, direttore generale dell’Istituto Zooprofilattico del Piemonte, Valle D’Aosta e Liguria, che, dal caso della Mucca Pazza in poi, rappresenta uno dei più importanti referenti a livello internazionale in materia di sicurezza alimentare. Di origine piemontese, Caramelli è un medico veterinario specializzato in Ispezione degli Alimenti di Origine Animale. Ha all’attivo più di 130 pubblicazioni su riviste nazionali e internazionali, oltre alla stesura di 3 capitoli di libri scientifici. Tra i suoi lavori più importanti, ricordiamo la pubblicazione dei risultati relativi alla scoperta di una nuova forma di Bse. Si è poi impegnata in altri casi, come quello delle mozzarelle blu, lo scandalo europeo delle lasagne a base di cavallo da corsa, i cinghiali contaminati con il Cesio137 e il problema l’epatite A nei frutti di bosco surgelati. Al Festival parteciperà al panel inaugurale sul tema della sostenibilità dell'agroalimentare, alle 9 di giovedì 23 (Auditorium).