Interverrà al panel dal titolo “Tra cancri immaginari e vermi improbabili”: quando una “bufala” sul cibo passa dai social alle redazioni" - in programma al Festival del Giornalismo Alimentare, venerdì 26 febbraio, alle ore 15.30 - per fare il punto su quanto i social siano il luogo dove maggiormente si diffondono gli allarmi alimentari. Per ricordare a giornalisti e comunicatori come fare per evitare di cascarci, utilizzando gli strumenti del mestiere.

Peppino Ortoleva (Napoli, 1948) è professore ordinario di Storia e teoria dei media all’università di Torino e presidente del Corso di laurea in Scienze della Comunicazione. Affronterà il tema delle leggende metropolitane legate all'alimentazione, che trovano terreno fertile nella pratica giustizialista del web, insieme a Claudio Michelizza e David Puente di Bufale.net. Modererà il panel Antonella De Santis del Gambero rosso.

Ortoleva ha pubblicato oltre un centinaio di lavori scientifici su storia, società e media. Tra i suoi libri si ricordano "Mediastoria", net, Milano, 2002, "l'Enciclopedia della radio", Garzanti, Milano, 2003 (con B. Scaramucci), "Luci del teleschermo. Televisione e cultura in Italia" (con Maria T. Di Marco), Electa, Milano, 2004, "Le onde del futuro. Presente e tendenze della radio in Italia" (con G. Cordoni e N. Verna), Costa & Nolan, Milano, 2006, "Il secolo dei media. Riti credenze abitudini", Il Saggiatore, Milano, 2009.

Ha tenuto corsi e svolto periodi di ricerca a Sydney, Parigi, Lisbona. E' membro del comitato del l'Institut des Sciences de la Communications e dei comitati di supervisione di diverse riviste e istituzioni culturali. E' presidente di Mediasfera, società di ricerca e produzione culturale.